Scuola di Musica Verona,

  • Corso di Batteria:

    ALBERTO "PIZZY" PATUZZO (Soul System)

    Patuzzo foto

    Alberto Patuzzo nasce da una famiglia dove la musica era molto presente, in particolare il padre (chitarrista cantante) e il nonno (cantante) lo influenzano verso questa direzione.
 Durante l’adolescenza grazie a suoi amici che già suonavano è riuscito ad approcciare alla batteria per la quale fin da subito scatta una profonda passione.
    Inizialmente frequenta vari insegnanti della zona in cui viveva e nel frattempo aveva le prime esperienze live con band di vario genere e stile.
 Ad un certo punto, decidendo che quella della musica sarebbe stata la sua strada per la vita e sentendo che doveva allargare la propria visione dello strumento e imparare a suonare a livello professionale, contatta il famoso batterista-session-drummer e batterista jazz Maxx Furian (Laura Pausini, Eugenio Finardi, Nek e molti altri) con il quale intraprende un percorso che durerà dieci anni, acquisendo uno stile unico ed eclettico.
    Durante la sua formazione musicale trae ispirazione da molti batteristi famosi, per nominarne alcuni, Buddy Rich, Steve Gadd, Dave Weckl, Vinnie Colaiuta, Dennis Chambers, Steve Smith, Simon Phillips, Teddy Campbell, Brian Frasier Moore, Calvin Rogers, Tony Williams, Aaron Spears, Gregg Bissonette, Pat Torpey, Chris Daddy Dave e molti altri.

     >> torna a docenti...

     

     

    Gli anni che seguono lo portano in vari tour come session drummer e a realizzare numerosi lavori in studio, registrando dischi come turnista per vari artisti ma in particolare suona molto spesso generi come RnB, Funky, Pop, Reggea, Hip Hop.
    Nel 2015 lavorando presso Warm Sound Recods uno studio di registrazione di Verona conosce Joel Ainoo il produttore dello studio e assieme danno vita ai Soul System, band che ha dato la svolta alla sua carriera artistic. In quell’anno la band comincia per scherzo a suonare in alcuni locali e subito si percepì grande fermento attorno a questo progetto. Infatti in un anno di attività con questa formazione danno vita a più di cento concerti per tutta l’Italia, in particolare Roma e Milano.

    Nel 2016 i Soul System partecipano e vincono la decima edizione di X Factor Italia portando la band ad essere conosciuta al grande pubblico.
Dopo X factor producono e lanciano un ep che certifica disco D’oro (She s Like a Star) e un album di Inediti Back To the Future che rimane per svariate settimane nella classifica top ten nazionale.

     

     

  •  

    GiannantonioMutto2

    Giannantonio Mutto studia pianoforte con Renzo Bonizzato e composizione con Antonio Zanon, presso il Conservatorio "E. F. Dall'Abaco" di Verona.
    Si diploma in pianoforte nel 1975 con il massimo dei voti, in seguito approfondisce il repertorio pianistico afroamericano legato al ragtime con Marco Fumo e Marcello Piras. Con Riccardo Scivales pubblica alcuni libri didattici per pianoforte, sempre nell'ambito della letteratura afroamericana.
Attualmente alterna l'attività di pianista a quella di arrangiatore e compositore: per le migliori musiche di scena, vince i festival di Pesaro (1992 - 1993 -1995 - 1996 e 2004), Rovereto (1993) e Gorizia (1993-1994).
    Dal 1992 prima con il Quintetto Estravagario ed ora con il Tango X 3 insieme a Leonardo Sapere violoncello e Luca Degani bandoneon propone concerti di tango argentino. Registra 6 CD di tango, nel 2006 con il Tango X 3 registra il cd “Tango” con l’orchestra d’archi I Virtuosi Italiani.
    Con Grazia de Marchi e Raffaella Benetti collabora come pianista nella ricerca e realizzazione di recital sulla canzone d’autore italiana, tedesca e francese.
    Dal 2006 collabora con L’Orchestra Giovanile Veronese, ad oggi per loro ha scritto 10 opere musicali.
    Con “I Virtuosi Italiani” ha curato gli arrangiamenti per numerosi concerti dedicati al tango e “Omaggio ai Beatles” per la vocalist Cristina Zavalloni.
    Ha pubblicato per le case editrici Ricordi-Zanibon, , Mela Music, Pizzicato, Lagos, Melos e Eufonia.
    Per il cinema ha composto le colonne sonore del cortometraggio "Il Bacio" da Achille Campanile (2001), "La storia di Greg" per la regia di Roberto Totola (2002), il mediometraggio “Controcanto” (2008) e il cortometraggio “Chico Miguel” (2017) per la regia di Maximiliano Subiela De Biase su soggetto di Cristina Baldessari (2008 e 2017).
    Docente presso il Conservatorio di Verona dal 1980, nello stesso conservatorio ha tenuto per 12 anni il corso di “pianoforte funzionale” nell’ambito del biennio di musicoterapia.

     

     >> torna a docenti...

     

     


     


    Programma di pianoforte funzionale

    Il corso è particolarmente indicato per pianisti (anche professionisti o insegnanti) provenienti da studi classici, in quanto fornisce abilità che, prescindendo dalla lettura della partitura classica, abilitano all'esecuzione del repertorio "moderno" attraverso la conoscenza della scrittura usata in tale contesto.

    • Come accompagnare o suonare una canzone in modo ottimale (stile, ritmica, voicing) leggendo le sigle accordali e improvvisando l’accompagnamento.

    • Lettura e conoscenza degli accordi in sigle internazionali (grammatica della siglatura) 

    • Analisi armonica e formale delle composizioni studiate
    • Studio delle cadenze e dei giri armonici più usati nella popular music
    • Utilizzo di un accompagnamento stilisticamente adeguato al genere musicale affrontato
    • Eventuale studio di pattern ritmici se previsti dal brano studiato
    • Accompagnamento estemporaneo di una melodia cantata o suonata tratta dal repertorio della popular music (musica pop, etnica, canzoni internazionali, musica da film)